Associazione Gli Asini

Gli Asini è un’associazione che si riconosce nei principi della giustizia e della solidarietà sociale ed economica, della partecipazione democratica alla vita della comunità, della promozione dei diritti civili e umani in ambito nazionale e internazionale.
Per contribuire alla realizzazione di questi principi l’associazione si pone prioritariamente come scopo la promozione di attività di utilità sociale, iniziative editoriali e culturali e progetti di ricerca, formazione, comunicazione nei seguenti settori: pace e diritti umani; cooperazione allo sviluppo e solidarietà internazionale; economia solidale, volontariato e terzo settore; movimenti sociali, campagne e società civile; immigrazione e lotta al razzismo; economia internazionale, politiche pubbliche e sociali.
Per sostenere queste attività l’associazione promuove altresì attività educative, culturali, editoriali, di documentazione e di consulenza, nonché l’erogazione di servizi specifici, soltanto se strettamente strumentali al perseguimento delle finalità statutarie.

Attività

Gli Asini promuovono incontri, convegni e presentazioni di libri e ricerche. Clicca qui per leggere alcune delle iniziative organizzate nel 2008-2011

Ricerca

Tra le attività in corso, la realizzazione della prima ricerca sull’editoria sociale in Italia attraverso un’indagine qualitativa e quantitativa. Clicca qui per maggiori informazioni

Progetto Libri e giornalismo in carcere

“Progetto sostenuto con i fondi Otto per mille della Chiesa Valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi); dalla Fondazione Charlemagne onlus; dalla Regione Lazio nell’ambito del progetto “Io Leggo”.

Sintesi del progetto
Il progetto attivo per il periodo 2014-2015 si sviluppa su due assi: formazione alla comunicazione, promozione del libro e della lettura in contesto di forte criticità sociale. Esso si presenta come la continuazione e l’approfondimento
dell’azione del progetto Libri in carcere realizzato nell’anno 2013 e sostenuto con i fondi della Fondazione Charlemagne onlus e dell’Otto per mille della Chiesa Valdese.
Le attività sono realizzate su tutto il territorio nazionale, in particolare presso il carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e la Seconda Casa di Reclusione di Milano (Bollate); alcune attività si indirizzano ad altri Istituti del territorio nazionale, con particolare riferimento agli Istituti di pena minorili di Casal del Marmo, Potremoli Bari e Torino e in numerosi Istituti di pena del territorio laziale.

  1. Il primo asse è volto alla formazione giornalistica finalizzata allo sviluppo di competenze in materia di scrittura giornalistica e radiogiornalismo da realizzarsi a Roma e a Milano presso gli istituti di Rebibbia e Bollate.Lo scopo è quello di ricercare forme innovative di progettazione, produzione e distribuzione delle informazioni e della cultura anche in contesti di criticità.
    Il progetto intende così favorire proposte didattiche finalizzate alla scrittura delle notizie radiofoniche volte alla comunicazione delle informazioni e alla diffusione di rubriche letterarie e non. L’idea è quella di specializzare alcuni detenuti nel lavoro di regia, altri in quelli di elaborazione delle notizie, altri ancora nella conduzione.
  2. Il secondo asse prevede la promozione del libro e della lettura. Le attività di questa parte di progetto prevedono presentazioni di libri e raccolta di volumi per le biblioteche. La realizzazione di incontri con autori è pensata in modo da moltiplicare gli stimoli e allargare il raggio d’azione del progetto a numerosi istituti oltre quelli dove verranno realizzate le attività formative. L’obiettivo è quello di concorrere a sostenere iniziative culturali che avvicinino maggiormente il pubblico dei non lettori al libro e alla lettura. Intendendo la lettura come un possibile veicolo di riabilitazione della persona che si trova in carcere. Gli incontri con gli autori sono progettati come un’occasione di dialogo tra i/le detenuti/e e gli scrittori invitati, che non si limitano a presentare la propria opera, ma instaurano un vero e proprio scambio di idee con i partecipanti. Prima di ogni incontro presso gli Istituti coinvolti verranno inviati i volumi dell’autore invitato, in modo che la platea possa prepararsi con domande e suggestioni. Questa attività si concentrerà negli Istituti femminili e per minori del territorio laziale. Un’ulteriore attività del secondo asse prevede la raccolta di volumi da destinare alle biblioteche degli istituti di detenzione per minori sul territorio laziale. I referenti delle diverse biblioteche indicheranno una mappatura dei fabbisogni librari che il progetto si impegnerà a soddisfare mediante acquisto di volumi e raccolta di donazioni da parte delle case editrici italiane. Verranno coinvolte diverse piccole e medie case editrici: Edizioni dell’Asino, Le Lettere, Sirente, Becco giallo, Hoepli , Donzelli, Adelphi , Iperborea, Jaca Book, Orecchio acerbo, Nutrimenti, La Nuova Frontiera, Eleuthera, Nottetempo, Il saggiatore, Laterza, Newton Compton, Edizioni e/o, RCS, Sellerio, Fandango, Voland, Guanda, Mulino, Marcos y Marcos,Vallardi. L’attività mira a sviluppare iniziative che possano promuovere lo sviluppo delle biblioteche, riequilibrando e incrementando l’offerta culturale delle biblioteche carcerarie.
Credits del progetto

Aderire a Gli Asini

Si può aderire a Gli Asini con il versamento della quota associativa di 30 euro scrivendo a info@gliasini.it

Donazioni

Puoi fare donazioni a Gli Asini per le attività politiche, sociali e culturali dell’associazione. Per sostenere Gli Asini e le loro iniziative puoi versare il tuo contributo sul C/C 124145 di Banca Popolare Etica, filiale di Roma intestato a Gli Asini, IBAN IT 52 O 05018 03200 000000124145 Se vuoi contribuire o collaborare con noi puoi scrivere a collabora@gliasini.it